QNAP TS-453A NAS 4 bay avanzato | Recensione Nas con processore quad core Intel e 4 GB di RAM, con funzioni multimediali e accesso da remoto.

L’archiviazione dei dati riveste da sempre un ruolo fondamentale nel mondo dell’informatica. Tra i vari sistemi di archiviazione i NAS (Network Attached Storage) sono senza dubbio una delle soluzioni più versatili. Un NAS è un dispositivo di rete del tutto simile a un computer, ma dedicato all’archiviazione e condivisione di file e dati all’interno di una rete informatica. Ma non solo, un NAS è molto di più!

Abbiamo provato e testato il QNAP TS-453A, un NAS a 4 bay con funzionalità avanzate e dalle grandi potenzialità.

QNAP TS-453A

Il QNAP TS-453A è un NAS a 4 bay di fascia media. Come vedremo grazie alle sue caratteristiche è adatto a un’ampia categoria di utenti: dal professionista all’utente privato, fino alle piccole e medie imprese.

In quesa recensione abbiamo deciso di analizzare il NAS dal punto di vista dell’utente medio, andando a provare le funzionalità principali e quelle in genere più utilizzate. Ma andiamo con ordine.

Contenuto della confezione:

  • NAS QNAP TS-453A (Nella versione da 4 GB di RAM)
  • Alimentatore esterno
  • Cavo di alimentazione per il collegamento alla rete elettrica
  • 2 x Cavo di rete LAN Ethernet RJ-45
  • Sacchetto contenente viti per l’installazione degli HDD
  • Telecomando IR
  • Manualistica rapida

Appena estratto dalla scatola ci si rende subito conto che siamo di fronte ad un prodotto di qualità. La scocca in metallo e l’ottimo assemblaggio, donano a questo NAS una buona sensazione di solidità e robustezza. Le dimensioni complessive sono di 177 x 180 x 235 mm, in linea con altri NAS a quattro vani. Il peso a vuoto è di circa 3,6 Kg, al quale andrà poi aggiunto il peso delle unità di archiviazione.

La parte frontale ha un design pulito e ben organizzato; saltano subito all’occhio i quattro cassetti estraibili in cui andranno alloggiati gli hard disk, molto comodi e funzionali. Subito sopra è presente un display a due linee, che permette di visualizzare lo stato di funzionamento del NAS ed eventualmente accedere in modo rapido ad alcune delle impostazioni di base. Per interagire con il NAS è presente un bilanciere a due tasti (Enter e Select) alla destra del display. Sempre nella parte frontale è posizionato il pulsante di accensione, oltre ad una porta USB 3.0.

Il resto delle connessioni si trovano sul retro del TS-453A e include: 4 porte LAN (Gigabit Ethernet), 3 porte USB 3.0, 2 porte HDMI, ingresso e uscita audio. Da notare anche la presenza della ventola da 120 mm, per il raffreddamento dell’elettronica interna e dei dischi.

Nella parte inferiore la presenza di 4 piedini in gomma di buona qualità, garantiscono stabilità e smorzamento delle vibrazioni.

QNAP è un azienda produttrice di dispositivi informatici con sede a Taiwan, specializzata nella produzione di Server NAS e sistemi di videosorveglianza. È famosa in particolare per i suoi NAS ad alte prestazioni ed elevato contenuto tecnologico ed è tra le aziende leader nel settore dei sistemi di archiviazione di rete. Offre una gamma completa di modelli, in grado di soddisfare sia l’utente privato che le piccole, medie e grandi aziende.

Specifiche tecniche

Le caratteristiche hardware del QNAP TS-453A sono di tutto rispetto: CPU Intel Celeron N3150 a 4 core con frequenza base di 1,6 GHz e GPU integrata. Si tratta di un processore Intel del segmento mobile, appartenente alla generazione Braswell, con buone prestazioni e con basso consumo energetico, caratteristica importate considerando che il NAS in genere dovrà restare acceso h24.

Per quanto riguarda la dotazione RAM, nella versione da noi provata è di 4 GB (2 moduli SODIMM DDR3L da 2 GB) espandibile ad 8 GB. È presente anche una flash memory da 512 MB con funzione di DOM (Disk on Module) contenente il firmware di base per l’avvio o il ripristino del NAS.

Le porte USB 3.0 possono essere usate per la connessione di dispositivi esterni, come pen drive o hdd esterni per il trasferimento di dati con il NAS.

La presenza di 4 porte LAN invece può essere sfrutatta in vari modi: per collegare il NAS a diverse sottoreti, o per il cosiddetto Trunking di porta, che permette di combinare più porte LAN per aumentare la larghezza di banda, oltre ad assicurare il funzionamento anche nel caso di interruzione di una porta LAN.

Riguardo l’archiviazione, il TS-453A accetta unità SATA III e SATA II, sia con formato da 3,5″ che da 2,5″, inclusi gli SSD. Per i dischi interni è adottato il file system EXT4, che è lo standard attuale per i sistemi basati su GNU/Linux; mentre eventuali dischi esterni potranno essere di tipo: EXT4, EXT3, FAT, NTFS e HFS+. Recentemente è stato aggiunto il supporto anche per le unità exFAT, per la quale sarà necessario acquistare la relativa licenza d’uso.

Supporta le modalità Raid 0, 1, 5, 6, 10, hot spare, single e jbod, oltre ad avere il supporto per lo storage pool ed espansione on line dei volumi.

Per consultare le caratteristiche complete del TS-453A puoi visitare questa pagina sul sito web di QNAP.

Tra gli accessori acquistabili segnaliamo i moduli di espansione UX-500P e UX800P rispettivamente da 5 e 8 bay, che permettono di aggiungere facilmente ulteriori HDD al NAS.

NAS QNAP TS-453A
Vai alla pagina prodotto su Amazon.it

Installazione Hardware e Software

Come primo passo si devono installare fisicamente gli Hard Drive. In questo caso grazie alla presenza dei cassetti estraibili, l’operazione è molto semplice oltre che veloce. È sufficiente estrarre il singolo cassetto e alloggiare l’unità, che andrà fissata con le viti in dotazione. Basterà quindi reinserire il cassetto nel vano per realizzare il collegamento. Fatto questo si dovrà collegare il NAS all’alimentatore e alla rete LAN e quindi accenderlo.

Per l’installazione del software del NAS (il firmware) si può procedere essenzialmente in tre modi:

1. Installazione da Rete LAN

  • Con il NAS collegato alla rete LAN vai all’indirizzo start.qnap.com. Scorri la pagina su installazione Firmware e seleziona Installazione Qfinder Pro. Scarica e installa l’utility per il tuo sistema operativo (Windows, Mac OSX o Linux).
  • Una volta installato, lancia Qfinder Pro, il quale troverà l’indirizzo IP assegnato al NAS; in questo modo con il browser potrai accedere direttamente da locale, all’interfaccia Web del NAS. Segui quindi le istruzioni a video che ti porteranno a configurare e inizializzare i dischi.

2. Installazione da Cloud

  • Con il NAS acceso e collegato a Internet, vai all’indirizzo install.qnap.com. Nella pagina dovrai inserire il Cloud Key, che trovi nell’etichetta attaccata nella parte superiore del NAS.
    NAS QNAP TS-453A cloud keyIn alternativa puoi scansionare col il tuo smartphone il QRD Code presente nell’etichetta.

    Si aprirà la stessa pagina citata sopra, con il Cloud Key già inserito.

  • Inserito il Cloud Key, per proseguire dovrai creare un QNAP ID, ovvero un account sul sito QNAP con il servizio myQNAPCLoud, con cui potrai associare i tuoi NAS e accedervi da remoto. La registrazione può essere fatta sfruttando i Social (Facebook o l’account Google), oppure con email o numero di telefono.
  • Terminata questa prima fase, si procede con la configurazione del NAS e l’installazione vera e propria. In questa fase potrai scegliere nome e password per accedere al NAS, le impostazioni di rete, la configurazione e inizializzazione dei dischi.

3. Installazione con il solo NAS

  • Oltre ai due metodi precedenti, è possibile installare il firmware utilizzando solamente il NAS. Per fare questo, con il NAS connesso alla rete, basterà collegare monitor, tastiera e mouse direttamente al NAS e seguire le indicazioni su schermo.

Terminata l’installazione e la configurazione, ti troverai nell’interfaccia di QTS e sarai pronto per iniziare a usare il NAS.

QTS 4.3.3 – Caratteristiche e funzionalità

Il cuore del QNAP TS-453A è costituito dal software, ovvero il sistema operativo QTS, giunto alla versione 4.3.3. QTS è il sistema operativo sviluppato da QNAP su base Linux. I continui aggiornamenti nel corso del tempo fanno di QTS uno dei sistemi operativi per NAS migliori in circolazione.

Nota: Il TS-453A permette anche una gestione dual OS, ovvero oltre al sistema QTS, supporta l’installazione nativa di Ubuntu (Linux) con possibilità di usufruire delle applicazioni Linux. Questo permette anche di usarlo stand-alone collegando mouse, tastiera e monitor, al pari di un qualsiasi altro sistema su cui gira Linux.

In questa recensione ci siamo concentrati maggiormente sulle funzionalità di QTS.

Funzioni e app di base

Di base QTS prevede alcune app già preinstallate al primo avvio, ma ovviamente potrai installare tutte le app di cui avrai bisogno. Per l’installazione e l’aggiornamento delle app, QTS mette a disposizione un’apposito store denominato App Center, con la presenza di molte applicazioni proprietarie e di terze parti.

Tra le applicazioni principali e più utili segnaliamo:

File Station: Si tratta del gestore file di QTS. Per caricare, copiare e trasferire file sul NAS. Include tutte le principali funzioni per la gestione file, con possibilità di cercare all’interno di cartelle e sottocartelle.

Music Station: L’app specifica per gestire, organizzare e riprodurre la tua musica. Necessaria per effettuare lo streaming audio anche da remoto.

Video Station: In modo analogo a Music Station, potrai gestire i tuoi file video e i tuoi film preferiti, organizzandoli come meglio preferisci. Attraverso Video Station potrai riprodurre e condividere i tuoi video anche in streaming.

Qsync Central: strumento per la sincronizzazione dei file tra NAS, computer e altri dispositivi. Per la sincronizzazione si dovrà installare su PC il corrispondente Qsync Client.

Download Station: Per gestire in forma automatizzata i download da varie fonti (con supporto al p2p), permettendoti di scaricare file da internet senza utilizzare il PC.

Hybrid Backup Sync: Tutte le funzioni di backup possono essere gestite con questa app. Fornisce una soluzione completa per creare e impostare piani di backup con funzioni di sincronizzazione e ripristino. Con l’aggiunta del Cloud Backup, supporta il backup anche su Cloud.

L’app permette di creare un processo di backup su destinazione locale o remota, con backup multiversione ed incrementale. I dati sottoposti a backup possono essere ripristinati nella cartella originale o in qualsiasi cartella a scelta.

Oltre a questo, puoi impostare un processo di sincronizzazione unidirezionale o bidirezionale. Nel primo caso i file presenti o modificati in una cartella di origine verranno sincronizzati in tempo reale con la cartella di destinazione. Nel secondo caso la sincronizzazione sarà di tipo bidirezionale tra le due cartelle. Come per il backup, la sincronizzazione può essere impostata anche su cloud.

Esistono poi tutta una serie di app o estensioni che permettono di gestire le varie potenzialità del NAS. Ad esempio con il media streaming add-on potrai impostare automaticamente un server DLNA, per fare streaming audio video all’interno della rete LAN e accessibile da tutti i dispositivi che supportano DLNA.

Tra le App di terze parti non si può non citare PLEX Media Server, una delle app migliori in circolazione per quanto riguarda la gestione dei contenuti multimediali. Integra una delle migliori funzioni di transcodifica per lo streaming in tempo reale. Molto probabilmente ne parleremo in un prossimo articolo.

In questo video ti mostriamo una breve panoramica su QTS 4.3.3:

QNAP e il Cloud Privato

Una delle comodità maggiori di un NAS è quella di poterlo usare anche da remoto, in modo da poter accedere ovunque e in qualsiasi momento ai propri dati, come un vero e proprio Cloud Privato. Per fare questo QNAP mette a disposizione il servizio chiamato myQNAPcloud.

Come prima cosa dovrai associare il NAS (in questo caso il QNAP TS-453A) al servizio myQNAPcloud. L’associazione iniziale deve essere fatta da locale, accedendo direttamente al NAS dalla stessa rete. Per questa operazione puoi usare il software di QNAP Qfinder Pro.

Qfinder Pro permette di trovare l’IP del NAS all’interno della rete e quindi di potervi accedere direttamente. Puoi scaricare Qfinder Pro nella pagina delle utilities di QNAP.

Per associare il NAS a myQNAPcloud dovrai procedere in questo modo:

  • Scarica e installa Qfinder Pro.
  • Lancia Qfinder Pro, troverà l’IP associato al NAS.
    QNAP Qfinder Pro
  • Fai doppio clic sul NAS trovato o apri il browser e vai all’indirizzo IP del NAS. Per accedere dovrai inserire username e password. Nel caso di reset del NAS le credenziali di default sono admin / admin.
  • Una volta eseguito l’accesso ti troverai nell’interfaccia del NAS (QTS 4.3.3). Lancia quindi l’app myQNAPcloud per configurare il servizio.

Dopo aver associato il NAS all’account myQNAPcloud sarai pronto per accedere anche da remoto. In generale per collegarti al NAS ed entrare nell’interfaccia di QTS avrai diverse possibilità, tra cui le due principali sono:

  • Colegarti al sito www.myqnapcloud.com/ ed accedere con il tuo QNAP ID. All’interno del tuo account potrai vedere tutti i NAS associati. Basterà selezionare il TS-453A per collegarti all’interfaccia utente di QTS, al quale potrai fare il login con username e password scelti in fase di installazione.
  • Recarti direttamente all’indirizzo smartURL assegnato durante la fase di configurazione. Ti troverai direttamente nella pagina di Login di QTS.

In alternativa da mobile, su smartphone e tablet, puoi usare le app create da QNAP, che permettono di accedere direttamente ad alcune funzioni specifiche.

Le app per il mobile

Per l’utilizzo da mobile QNAP mette a disposizione una serie completa di app, con cui gestire da smartphone o tablet molte delle funzioni del NAS. Tra le più utili citiamo: Qfile, Qmanager, Qmusic, Qvideo, Qphoto, Qnotes. Le app vanno ad interagire direttamente con le corrispondenti applicazioni presenti sul NAS.

Qmusic: Con Qmusic potrai accedere in qualsiasi momento da smartphone o tablet alla tua collezione di musica presente sul NAS, con la comodità di avere sempre a portata di mano i tuoi brani preferiti, senza occupare spazio sul telefono. Per il funzionamento Qmusic si interfaccia a Music Station.

Qvideo: In modo analogo con Qvideo, potrai vedere in streaming dal tuo telefono i video o i film che hai salvato sul NAS. Si collega all’app Video Station presente sul NAS.

In modo analogo per le altre applicazioni mobile.

Per sfruttare queste potenzialità, per prima cosa dovrai installare l’app sul tuo dispositivo. Puoi trovare le app QNAP cercando nello store del tuo sistema. Installata e avviata l’app i passi sono semplici:

  • Se sei in locale sulla stessa rete (ad esempio sei collegato tramite il wi-fi del router), il NAS ti comparirà direttamente nell’elenco dei dispositivi. In caso contrario da remoto, puoi aggiungere il NAS manualmente (inserendo il myQNAPcloud, nome e password) oppure tramite QNAP ID, per poi selezionare il NAS in questione.
  • Durante la fase di connessione, se non già presente, verrà chiesto di installare la corrispondente applicazione di QTS (ad esempio Music Station, Video Station, etc…). In questo caso l’installazione può essere lanciata direttamente dall’app.
  • Dal tuo telefono potrai quindi accedere con l’app relativa al servizio desiderato.

Funzionamento e test

Abbiamo testato il funzionamento in varie configurazioni, con 2 HDD in RAID 1 (ovvero in mirror) e con 4 HDD in RAID 5 + Hot Spare. Per l’occasione abbiamo utilizzato dei Western Digital Blu da 1 TB. L’inizializzazione degli HDD ha richiesto circa 10 minuti. Nel RAID 1 la sincronizzazione iniziale dei due HDD ha impiegato circa 2 ore, ma l’attività è avvenuta in backgruond, senza impattare negativamente sulle prestazioni del NAS.

Il trasferimento dei file all’interno della LAN è rapido, secondo le aspettative.

Durante il normale uso del NAS, come il trasferimento e l’accesso ai file, download tramite Download Station e in generale per le funzioni base, il TS-453A gestiste i carichi di lavoro agevolmente, con percentuali di occupazione della CPU in genere piuttosto basse.

Abbiamo quindi testato lo streaming video diretto sia su PC che su smartphone. Il NAS supporta la transcodifica video fino ad alta risoluzione. Nel caso di dispositivi all’interno della stessa rete del NAS non abbiamo riscontrato particolari problemi. Un po più problematico lo streaming di contenuti da remoto, ma in quest’ultimo caso si tratta di operazioni molto gravose in termine di potenza e di larghezza di banda, quindi del tutto comune.

Nessun problema invece nella riproduzione di contenuti audio ne in locale ne da remoto.

Per quanto riguarda le operazioni da remoto, ovviamente molto dipende dalla velocità della connessione internet a cui è collegato il NAS e dalla velocità della connessione dati dei dispositivi con i quali accedi. Se intendi sfruttare molto le potenzialità di accesso da remoto, assicurati di avere una buona connessione internet.

Per i più esigenti, in particolare per chi intende sfruttare molto lo streaming video ad alta risoluzione con transcodifica, o far girare macchine virtuali (con l’uso di Container Station), si consiglia di acquistare la versione con 8 GB di RAM, o in alternativa fare l’upgrade da 4 a 8 GB.

Con il NAS non sono inclusi gli Hard Disk e andranno quindi acquistati a parte. Si consiglia di usare dischi identici, in particolare nel caso di configurazioni RAID. Se devi comprare degli HDD per il tuo NAS, consigliamo la serie WD Red di Western Digital, ideali per l’utilizzo nei NAS e ottimizzati per il funzionamento continuo 24/7.

Conclusioni

QNAP è senza dubbio un punto di riferimento nel settore dei NAS. Il QNAP TS-453A ha soddisfatto le nostre aspettative, confermando l’ottima reputazione di questo marchio in fatto di NAS.

Abbiamo apprezzato in particolare il sistema operativo QTS, con un’interfaccia moderna, fluida e al passo con i tempi. Buone le prestazioni medie, anche in virtù di un hardware ben dimensionato, in grado di gestire agevolmente discreti carichi di lavoro.

✅ Sistema Operativo QTS: stabile, veloce e ricco di funzionalità.

✅ Hardware potente e bel bilanciato.

⛔ Necessaria una buona conoscenza del NAS per sfruttarlo appieno.

Il prezzo è impegnativo ma in linea con le caratteristiche offerte; si tratta senza dubbio di un prodotto professionale e quindi anche complesso. Per i principianti sarà necessario un periodo di adattamento per familiarizzare con la gestione del NAS, mentre gli utenti esperti non avranno problemi a padroneggiare anche le funzioni più complesse.

In definitiva un NAS dalle grandi potenzialità, in grado di regalare buone soddisfazioni sia al neofita che agli appassionati di tecnologia, che non rimarranno delusi dalle possibilità offerte da questo NAS. Consigliato!

NAS QNAP TS-453A
Vai alla pagina prodotto su Amazon.it

Ringraziamo QNAP Italia per averci fornito il NAS TS-453A per i nostri test.

Se cerchi un NAS a 2 bay, puoi comprare il QNAP TS-253A, del tutto simile nelle caratteristiche tecniche e nelle funzionalità. Guarda su Amazon.

Rispondi

avatar